Blog: http://ilmondocristiano.ilcannocchiale.it

UNA STATUA DELLA MADONNA NUDA?

giovedì 17 dicembre 2009

UNA STATUA DELLA MADONNA NUDA?

 

di Francesco Colafemmina

Questa volta gli Stimmatini di Sezano l'hanno fatta grossa: una statua opera dello scultore Marco Danielon è ospitata nella loro "aula liturgica". E' quella che vedete in foto e s'intitola "Madre di Dio".

Una Madonna nuda non si era mai vista prima. A dire il vero qualche idiota ci aveva già provato a creare lo "scandalo". Mi riferisco all'iniziativa oscena di una associazione omosessuale spagnola che pubblicò qualche mese fa un calendario. La statua di Danielon è tuttavia ben altra cosa. Può certamente rappresentare poeticamente la maternità, ma non è di sicuro un'opera d'arte sacra. Dovrebbe stare dunque fuori da una chiesa. E la Diocesi o la Santa Sede dovrebbero intervenire immediatamente per far rimuovere questa statua. Mettetela in un centro di ascolto, in un consultorio familiare... lì ha un senso. In un reparto di ostetricia e ginecologia... Non però in Chiesa!
 
Persino il Parroco della cattedrale di Verona, Mons. Antonio Finardi, si è esposto incautamente con la stampa. A "L'Arena" ha detto:
 
«Non ho visto questa statuetta di Marco Danielon ma posso testimoniare che è un artista molto preparato e serio, un uomo di fede, che non compone un'opera con soggetto sacro se prima non ha studiato il tema dal punto di vista biblico e teologico e non si è consultato con sacerdoti e laici preparati. Per la cattedrale, commissionate da me, ha realizzato varie sculture, di grande valore».
 
Peccato per Danielon perchè in questo caso si sarà di certo consultato con sacerdoti e laici per nulla preparati...
I saccenti modernizzatori a tutti i costi, col cervello montato al contrario potrebbero protestare a tali affermazioni. E ribattere: "Ma cosa c'è di male a rappresentare la Madonna nuda? In fondo anche Cristo era nudo sulla croce...".
Il concetto forse sfugge a questi bipedi col Vangelo in mano e non nel cuore: l'arte sacra deve elevare l'uomo alla contemplazione delle cose Sante. Una statua della Vergine deve indurre l'uomo alla Venerazione di Maria. Venerare significa farsi piccoli al cospetto della grandezza dei Santi. Quindi come posso venerare una statua meramente umana, dalla quale non traspare se non l'umanità spoglia e dissacrata che sembra aver invaso le teste dei contemporanei?

 
E' singolare tra l'altro che in Australia un Pastore Anglicano abbia deciso, proprio in questi giorni, di esporre un cartellone con Maria e Giuseppe in un letto matrimoniale. I fedeli si sono ribellati e l'hanno cancellato. Ma l'obiettivo è lo stesso: ridurre il mistero dell'Incarnazione ad un archetipo umano, alla procreazione ed alla gravidanza... Sappiamo bene però che Maria non è soltanto "madre" in senso umano, ma è Colei che ha offerto la sua vita al Signore rendendo possibile la Sua venuta su questa terra per portare la Salvezza all'umanità.

 
Tutto ciò che riguarda la sfera teologica viene improvvisamente sottratto, cassato da questa nudità primigenia e adamitica. Concetti come il decoro, la dignità, il rispetto, l'armonia etc. sono dunque definitivamente decaduti in questa nostra epoca?

 

 
AI VISITATORI DEL SITO: informiamo che stiamo ricevendo messaggi con parole di violenza, volgari e di minaccia in riferimento alla scultura di M. Danielon, collocata nella nostra aula liturgica come segno dell'Avvento.
Il messaggio spirituale che proviene dall'opera e che molti hanno avuto modo di accogliere e interiorizzare, nulla ha a che vedere con questi toni polemici dai quali prendiamo le distanze.
Nel percorrere il cammino di Avvento con l'opera di Danielon ci sentiamo confortati nel messaggio di annuncio e di compimento che la persona di Maria la Madre di Dio porta con sé. (12.12.2009)
 

Dispiace per le reazioni "volgari e di minaccia", pure è comprensibile che i semplici fedeli non vogliano essere "scandalizzati" dai propri sacerdoti. E' questa la realtà! Oggi non sono più i laici, gli agnostici e i nemici del cattolicesimo a scandalizzarci ma gli stessi ministri della Chiesa... Mah...
 
Che dire poi del "messaggio spirituale che proviene dall'opera"? Quale sarebbe il messaggio spirituale di una statua "spersonalizzata", archetipizzata nella donna partoriente e privata della personalità, dei tratti caratteristici che la tradizione ha attribuito a Maria?
E' assurdo, inoltre, leggere che la Madonna porterebbe con sè un "messaggio di annuncio e compimento": quale annuncio e quale compimento non è dato saperlo. L'annuncio è solo quello di Cristo ed ogni compimento è in Lui, questo ci è dato sapere come cattolici.

 
Alla fine, però, mi domando se paradossalmente non siano più fedeli a Gesù e Maria gli Ortodossi che certi pseudocattolici. In Oriente Maria continua ad essere raffigurata vestita e velata con le tre stelle che ne indicano la purezza alla nascita, in vita e dopo la sua "dormizione". In Oriente Maria è chiamata "Ipermachos Stratigos", la "Condottiera Suprema". E' lei che sconfigge il serpente e lo calpesta...
 
 
 
Affidiamoci alla sua clemenza, perchè possa convertire i cuori sterili e le menti accecate che hanno dato vita a una simile blasfemia. E recitiamo rosari in riparazione di questo atto satanico.
.
.
 
P.s. Su segnalazione di un lettore vi informo che sul forum presente a questo indirizzo prosegue l'accesa discussione su questa notizia che è stata qui ("qui" si intende "questo sito" ovvero "Tradizione.biz") presentata già da alcuni giorni.
 
 
 

Pubblicato il 31/3/2010 alle 22.54 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web