Blog: http://ilmondocristiano.ilcannocchiale.it

Il gruppo Cesma sempre piĆ¹ musical Jesus Christ Superstar-Bambini bestemmiano!

 
notizia del 22/11/2009 messa in rete alle 14.03.56

 
Il gruppo Cesma sempre più musical Jesus Christ Superstar

In occasione del “Palketto Stage 2009\2010” l’associazione giovanile C.G.M.A – Ce.S.M.A ha portato in scena il musical Jesus Christ Superstar, realizzato e portato al successo da Tim Rice e Andrew Lloyd Weber negli anni settanta, rappresentante l’ultima settima di vita di Gesù. Lo spettacolo interamente in lingua inglese è stato presentato ai bambini della V classe della scuola primaria ed ai ragazzi della scuola secondaria di I e II grado, nel cine teatro Royal, che apre i battenti, sfortunatamente, solo grazie alla voglia di fare spettacolo dell’associazione del quartiere Fondo Iozza e alle scuole di danza che vi svolgono il consueto saggio.
Prima di parlare della messa in scena, è giusto ed è a mio avviso doveroso dire che l’associazione C.G.M.A-Ce.S.M.A con la consueta realizzazione di questi spettacoli nei mesi di novembre e marzo, sostiene da sette anni a questa parte, l’opera umanitaria della dott.ssa Cristina Fazzi, che lavora come missionaria nella regione settentrionale dello Zambia, con il suo “Mayo-Mwana Project” (Progetto di Prevenzione della Madre e del Bambino).
Grazie anche all’aiuto e alla dedizione della parrocchia Regina Pacis e dei suoi ragazzi, sono stati fondati i centri socio-sanitari di Silangwa e Lupya, la “Casa Famiglia” nella città di Ndola e quest’anno si vuole realizzare il “centro sociale Regina Pacis”, sempre nella città di Ndola. Passiamo alla trama. Jesus Christ Superstar, che quest’anno è giunto alla sua quarta edizione, è la narrazione dell’ultima settimana di vita di Gesù di Nazareth (interpretato da Giovanni Marinetti) vista, e soprattutto cantata, dal suo discepolo Giuda (Vincenzo Vella) che convinto dell’idea che questo sia solo un “uomo”, dopo alcuni avvenimenti che avvalorano la sua tesi riesce a farlo arrestare. Il tempo darà le risposte a Giuda, che si renderà conto del suo grave errore di valutazione e non sapendo cosa fare si lascia morire impiccato. Lo spettacolo però si concluderà sulla croce evidenziando i dubbi e le perplessità che Giuda aveva avuto e che non hanno trovato certo spiegazione.
Questa la trama che tutti gli interpreti son riusciti ad esternare in maniera senza dubbio spettacolare. Gli altri, oltre a quelli citati prima sono Floriana Renna (Maria Maddalena), Andrea Campailla (Pietro), Jerry Italia (Pilato), Massimo Spina e Domenico Russello (rispettivamente i sacerdoti Kaifa e Hanna), Rosario Smecca (Re Erode).
“La messa in scena di questo spettacolo – afferma Domenico Russello – rievoca in tutti noi l’importanza della pace tra i popoli, specialmente in un territorio da sempre oppresso dai conflitti come la Terra Santa. Alla luce del messaggio di Cristo, il dovere di ogni uomo e quello di abbattere tutti i muri che lo dividono con la pace con se stesso e con gli altri, affinché dalla redenzione collettiva possa scaturire il riscatto dell nostra malata società”.
Rispetto agli spettacoli precedenti, quest’anno che la musica è stata suonata dal vivo – volendo ritornare alle prime edizioni del musical – da un complesso di primo ordine composto da Olaf Orlando e Angelo Martines alle chitarre, Gianni Cravana al Basso, Giuseppe Tringali alla Batteria, Francesco Greco e il Falci Francesco alle tastiere. La regia è stata affidata a Don Angelo Strazzanti, la regia audio è dell’ing. Rosario Catalano e per l’ottimo inglese si deve ringraziare la prof. Simona Vella grazie alle sue lezioni di Musical Studies. Le scenografie sono ad opera di Rocco Cuvato e le coreografie sono di Ilenia Romano.
Per i fortunati ragazzi che, grazie alla prenotazione, vedranno lo spettacolo l’appuntamento è per le ore 10,30 dei giorni 20 e 21 novembre per le scuole di Gela e Provincia, e al medesimo orario verrà riproposto nel mese di marzo per tutte le scuole delle altre province siciliane che avranno il piacere di vedere all’opera questi artisti, che da sempre ci hanno abituati a spettacoli di alta qualità e dal fine nobile.


Autore : Graziano Missud
© Copyright 2003 - 2009 Corriere di Gela. Tutti i diritti riservati. Powered by venturagiuseppe.it

http://www.corrieredigela.it/leggi.asp?idn=CDG140313&idc=1

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
A cosa serve la solidarietà se si bestemmia il Signore Gesù rendendolo falso e ridicolo che canta, balla, amoreggia e bestemmia ?
 
JESUS CHRIST SUPERSTAR è un opera molto blasfema,principalmente perché
gli autori;Andrew Lloyd  Webber e Tim Rice,sono agnostci,non credono in Gesù.
Nelle varie interviste hanno dichiarato che per loro Gesù era un falso pofeta,sciocco
e libertino,mentre il vero sapiente era solo Giuda,l'unico che capiva come andavano le cose.
Quindi vediamo che il Musical JCS insiste sulla negazione del Figlio di Dio.
All'inizio,vediamo che la prostituta Maria Maddalena,riesce a sedurre Gesù,con le sue arti,
lo cosparge di mirra,lo coccola,l'accarezza.Giuda vedendo questo,critica Gesù di essere
immorale,e fare il contrario di ciò che insegna.Intanto Gesù e Maddalena,vivono insieme
giorno e notte,lei di notte gli canta una sensuale ninna nanna,gli sussurra di stare
calmo,di rilassarsi e chiudere gli occhi,mentre lei baderà a lui e lo rinfrescherà con la
mirrà.Gesù e Maddalena sono quindi amanti.Ecco come Maddalena descrive il suo
amore per Gesù;
"Io non so come amarlo,cosa fare a convincerlo.
E' un uomo,è solo un uomo,ed io ho avuto tanti uomini prima,
in tutti i modi.Lui è solo uno in più.
Dovrei violentarlo?
Dovrei gridare e urlare?
Dare sfogo ai mii sentimenti?
Poi,se mi dicesse che mi ama,
non potrei resistere,propio non potrei resistere.....
Lo voglio così,l'amo così".
 Quindi la prostituta Maddalena,crede che questo suo amato Gesù,non è altro che uno dei
suoi tanti amanti,è solo un uomo,un uomo come gli altri che  vanno a protitute.
Quindi nel Musical JCS,Gesù è un libertino peccatore,non è finita qui,la dissacrazione continua.
Ecco che nel Musical Gesù è pure malvagio.Quando una folla di bisognosi e malati,
e lebbrosi preme per ricevere guarigioni,conforto e consolazione,
Gesù dice loro con furia"Siete troppi-non spingete!Non ce la faccio-non premete!
Guaritevi da soli,lasciatmi in pace"Questa è la pura e semplice negazone della
più importante verità del vangelo:la divinità del Signore Gesù.
Gesù,nel Musical non solo è libertino e malvagio,è anche un essere insicuro,triste, stanco,
è confuso e no sa realmente chi è,perché deve morire,e si ribbella  a Dio,perché lo fa morire
senza un motivo:"Mostrami adesso che non sarò ucciso invano..........................................
.....Mostrami che c'è uno scopo perché mi vuo fare morire.Sei molto astuto sul dove e sul come,ma non così
esperto sul perché"Quindi abbiamo un Gesù che bestemmia Dio,e poi continua a urlare a Dio,
dicendogli di inchiodarlo e ucciderlo adesso prima che lui cambi idea,vere bstemmie
che rendono Gesù il contrario di come è descritto nel Vangelo.
Anche Giuda nel Musical accusa Dio di averlo usato;"Dio!Non saprò mai perchè mi hai scelto per il tuo
crimine,il tuo ripugnante,crudele crimine!Tu mi hai assssinato!"
Però poi nel Musical,vediamo che Giuda,dopo essersi impiccato,muore e diventa un Angelo,
e scende dal cielo con altri Angeli e prende in giro Gesù che si trova sulla croce,dicendogli
che si è fatto crocifiggere invano.
Gesù,nel Musical,muore crocifisso,non risorge,infatti non è Figlio di Dio ma un pazzo peccatore
libertino e malvagio.
Che atei amino questo Musical è normale,ma chi si dice cristiano ed accetta questo Musical,
nega la sua fede ed è un ipocrita e bestemmia Dio,le Sacre Scritture e il Signore Gesù.
Se Gesù fosse stato come quello del Musical,il cristianesimo non sarebe mai nato,e
nessuno conoscerebbe Gesù ora.
 

 http://sites.google.com/site/centroantiblasfemia/

 

http://sites.google.com/site/centroantiblasfemia/Home/i-ragazzi-di-gela-fanno-il-blasfemo-jcs

Pubblicato il 31/3/2010 alle 22.31 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web