.
Annunci online

Articoli e Notizie sulla Religione Cristiana nel Mondo
CULTURA
9 novembre 2009
LE BESTEMMIE DEL PARROCO DON GIOVANNI BERTI
 
CENTRO ANTI-BLASFEMIA
 
NON POSSIAMO FARE DIRE A DIO COSE FALSE: E' PECCATO CONTRO LO SPIRITO SANTO
 
Un tempo c'erano Profeti e Santi che con l'aiuto dello Spirito Santo ricevevano rivelazioni divine,
Dio parlava loro e donava i suoi messaggi.
Comunque ci sono stati e ci sono falsi profeti, che la Sacra Bibbia ci spiega come smascherare,
avvertendoci che se la profezia non si avvera è un falso profeta, o se non viene dichiarata la divinità
di Gesù si tratta dello spirito dell'anti-cristo.
 
Oggi ci sono tanti uomini atei che fanno dire a Dio e a Gesù cose false, attraverso romanzi,
opere teatrali, film, e perfino vignette.
La cosa più satanica è che anche i sacerdoti ora fanno questo.
Don Giovanni Berti con le sue vignette fa dire a Dio e Gesù, bestemmie, questo peccato è contro
lo Spirito Santo, imperdonabile.
 
Dal Vangelo secondo Matteo: 12, 30-37
 
12,30] Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.

[31] Perciò io vi dico: Qualunque peccato e bestemmia sarà perdonata agli uomini, ma la bestemmia contro lo Spirito non sarà perdonata.

[32] A chiunque parlerà male del Figlio dell'uomo sarà perdonato; ma la bestemmia contro lo Spirito, non gli sarà perdonata né in questo secolo, né in quello futuro.

[33] Se prendete un albero buono, anche il suo frutto sarà buono; se prendete un albero cattivo, anche il suo frutto sarà cattivo: dal frutto infatti si conosce l'albero.

[34] Razza di vipere, come potete dire cose buone, voi che siete cattivi? Poiché la bocca parla dalla pienezza del cuore.
 
[35] L'uomo buono dal suo buon tesoro trae cose buone, mentre l'uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae cose cattive.

[36] Ma io vi dico che di ogni parola infondata gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio;

[37] poiché in base alle tue parole sarai giustificato e in base alle tue parole sarai condannato".
 
 
*******************************************************************
 
 

http://www.gioba.it:80/?p=359

 

battesimo-di-gesu-colored.jpg

 

 

 
isola-dei-famosi-colored.jpg
 
 
 

http://www.gioba.it:80/?p=235

 

tentazioni-nel-deserto-2.jpg

 

http://www.gioba.it:80/?p=619

 

halloween in paradiso

 
 
 
 
 
 
 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giovanni bestemmie berti

permalink | inviato da RAGGIO DI LUCE il 9/11/2009 alle 12:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
9 novembre 2009
LE VIGNETTE BLASFEME DI DON GIOVANNI BERTI
 
CENTRO ANTI-BLASFEMIA
LE VIGNETTE BLASFEME DI DON GIOVANNI BERTI
 
Noi del Centro Anti-blasfemia, lottiamo contro le opere blasfeme,
se sono atei ed agnostici a farle compatiamo un pò, ma come
possiamo compatire questo sacerdote di Verona che nel suo
sito fa vignette ridicole e blasfeme contro Gesù ?
 
_________________________________________
GIOVANNI BERTI

classe 1967
prete della diocesi di Verona dal 1993

________________________________________,
Questo sacerdote si diverte a rendere Gesù ed anche Dio Padre ridicoli e blasfemi,
attraverso delle vignette.
Il mondo è pieno di atei che fanno vignette blasfeme contro Gesù, ma se è un sacerdote a farlo,
allora davvero è assurdo !
Analizziamo quattro  vignette di Don Giovanni Berti.
 
___________________________________________________________________

Prima vignetta

domenica 13 gennaio 2008
Battesimo del Signore

http://www.gioba.it:80/?p=359

battesimo-di-gesu-colored.jpg

Vediamo che questa vignetta è falsa non rispetta il Vangelo,

Gesù fece il suo primo miracolo pubblico a Cana V.Giovanni; 2: 11.

Questa vignetta rende Gesù un pagliacco esibizionista, che fa miracoli per farsi notare,

invece Gesù sapiente e giusto, dai Vangeli risulta che faceva segni nei momenti adatti per

convertire, e non per fare spettacolo, quindi questa vignetta è blasfema.

 

http://www.gioba.it:80/?p=359

 
___________________________________________________________
 
 
 
Seconda vignetta

Gesù nel reality del deserto

domenica 1 marzo 2009
Prima domenica di Quaresima

isola-dei-famosi-colored.jpg

Questa vignetta è falsa, Gesù non va più nel deserto per incontrare il Tentatore, questo è avvenuto

durante la sua vita terrena, ora Gesù è in cielo accanto al Padre suo, Atti; 7: 56.

Questa vignetta rende Gesù e il Padre celesti  peccatori in cerca di luoghi impuri e peccaminosi, quindi è molto blasfema.

Un buon cristiano non parteciperebbe  all'Isola dei Famosi, luogo di peccato,

nemmeno  segue la TV spazzatura che trasmette reality-show inutili e spudorati,

il buon cristiano se ha tempo di vedere la TV segue i notiziari e qualche progamma educativo.

Ora se il buon cristiano rifiuta  i progammi TV spazzatura ed immorali, quanto Gesù li rifiuta ?

Anzi Gesù ci vieta questi comportamenti e ci chiama alla conversione, V.Matteo; 4: 17; 7: 13-14; 16: 24-26;

V.Marco; 7: 21-23, Santità vuole Gesù da noi e non cose peccaminose ed inutili.

 

http://www.gioba.it/?p=486#comments

____________________________________________________________

Terza vignetta

http://www.gioba.it:80/?p=235

Dove lo trovo il diavolo?

domenica 25 febbraio 2005
 
 

Questa vignetta è falsa, Gesù non va più nel deserto per incontrare il Tentatore, questo è avvenuto

durante la sua vita terrena, ora Gesù è in cielo accanto al Padre suo, Atti; 7: 56.

In questa vignetta Gesù disobbedisce al Padre, quindi pecca, quindi è molto blasfema e falsa,

Gesù ha sempre obbedito al Padre, V.Giovanni: 8: 29-30.

In questa vignetta Satana riesce a bloccare Gesù, ad indurlo in tentazione, quindi è molto falsa e blasfema,

Gesù ha sempre vinto Satana, anzi Satana non ha nessun potere su di Lui, V.Giovanni; 15, 30-31.

In questa vignetta Gesù è attaccato alla TV, come un uomo ignorante, quindi è blasfema, invece Gesù specialmente oggi

ci vieta la TV, che è veramente uno strumento di Satana, diffondendo immoralità, violenza e cattivi insegnamenti.

 
 
_________________________________________________________________
 
Quarta vignetta

halloween in paradiso

 

DOMENICA 1 novembre 2009

http://www.gioba.it/?p=619

*****************************************************************************

CENTRO ANTI-BLASFEMIA

 

DON GIOVANNI BERTI CONTINUA A PRODURRE VIGNETTE SEMPRE PIU' BLASFEME !

MENTRE LA CHIESA CATTOLICA CONDANNA HALLOWEEN-PER DON GIOVANNI BERTI

DIO PADRE E GESU' FESTEGGIANO HALLOWEEN !

Ormai DonGiovanni Berti  non ha il minimo rispetto verso Dio, Gesù ed il Vangelo, infatti ecco come ci scherza,

comunque il saggio proverbio dice: " Scherza con i fanti e lascia stare i Santi ".

Il giorno del Giudizio il Signore gli chiederà conto di queste falsità e bestemmie,

capirà che non si può inventare nessuna falsità sul Signore, come si ha insegnato San Paolo:

 

Lettera a Galati: 1,8-9
Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un
vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema!
 [9]L'abbiamo gia detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un
vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema!
N.B. Sia Anatema corrisponde, sia maletto e vada all'inferno !

SIA ANATEMA !

Tutti dovremo un giorno comparire davanti al vero Signore Gesù Cristo,
 non davanti a quello partorito dall’immaginazione di Don Giovanni Berti

 ma al Giudice di tutta la terra. 


 Il nostro destino eterno dipende dal rapporto che avremo avuto con Lui:
 "Chi crede nel Figlio ha vita eterna; chi invece rifiuta di credere
al Figlio non vedrà la vita, ma l'ira di Dio rimane su di
lui" (Giovanni 3:36).

Non abbiamo bisogno di vignette, fantasiose e blasfeme su Gesù,

ma solo il Vangelo è verità salvifica!

http://sites.google.com/site/centroantiblasfemia/

 

http://sites.google.com/site/centroantiblasfemia/Home/don-giovanni-berti-continua-a-produrre-vignette-sempre-piu-blasfeme

 

http://sites.google.com/site/centroantiblasfemia/Home/le-vignette-blasfeme-di-don-giovanni-berti

 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giovanni berti vognette blasfeme

permalink | inviato da RAGGIO DI LUCE il 9/11/2009 alle 12:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
29 aprile 2009
Esegesi Gv 3,36
 

Esegesi Gv 3,36

 

Chi crede nel Figlio ha la vita eterna; chi non obbedisce al Figlio non vedrà la vita, ma l'ira di Dio incombe su di lui».”( Gv. 3, 36)

Dice s.Beda riferendosi a questo testo “Non debet hic intelligi fides quae verbo tenus tenetur, sed quae operibus adimpletur. La traduzione di questo testo è la seguente: non si deve intendere qui con il termine fede quella che si tiene solo con la parola ma quella che si compie con le opere

Quanto appena detto significa, più generalmente, che  laddove i testi biblici neotestamentari parlano di fede essi non si riferiscono, in molti casi, solo alla fede ma alla fede unita alla carità, cioè non si riferiscono alla fede informe  ma alla fede perfetta che è appunto unita alla carità. Questa è la fede che porta la salvezza e la vita eterna in noi: la fede unita alla carità. Senza la carità noi siamo nel peccato e nella dannazione, con la carità la grazia e la salvezza sono in noi. Occorre dunque stare molto attenti allorché si parla di fede nella Bibbia per distinguere bene se si sta trattando della fede perfetta(unita alla carità) o della fede informe; allorché troviamo espressioni che affermano la salvezza in relazione alla fede esse vanno intese nel senso che la fede unita alla carità è salvifica, perché la vita di Dio, la grazia, viene in noi con la carità: Dio, infatti, è carità e la carità fa che Dio viva in noi.

 

D. Tullio


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. esegesi vangelo giovanni 3 36

permalink | inviato da RAGGIO DI LUCE il 29/4/2009 alle 11:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
23 dicembre 2008
GESU' GIUDICE SUPREMO NEL VANGELO DI SAN GIOVANNI
 
STUDIO BIBLICO
Analisi di Giuliano Lattes e Martino Gerber studiosi biblisti
 
GESU' GIUDICE SUPREMO NEL VANGELO DI SAN GIOVANNI
 
VANGELO SECONDO GIOVANNI: 5, 19-30
5,19Così Gesù replicò a quelli che lo criticavano: "Io vi assicuro che il Figlio non può far nulla da sé, ma solo ciò che vede fare dal Padre. Quello che fa il Padre, anche il Figlio lo fa ugualmente. 20Il Padre infatti ama il Figlio e gli fa vedere tutto ciò che fa. Anzi, gli farà vedere anche opere più grandi di queste, e resterete meravigliati.
21"Come il Padre fa risorgere i morti e dà loro la vita, così pure il Figlio dà vita a chi vuole. 22Il Padre non giudica nessuno perché ha affidato al Figlio tutto il potere di giudicare. 23
Così, tutti onoreranno il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio non onora neppure il Padre che l'ha mandato.
24
"Io vi dichiaro: chi ascolta la mia parola e crede nel Padre che mi ha mandato ha la vita eterna. Non sarà più condannato. È già passato dalla morte alla vita.
25"Io vi dico una cosa: viene un'ora anzi e già venuta, in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio, e chi lo sente vivrà. 26Infatti, Dio è la fonte della vita, e ha dato anche al Figlio di essere la fonte della vita. 27
Gli ha dato anche il potere di giudicare, perché è il Figlio dell'uomo.
28"Non vi meravigliate: viene un'ora in cui tutti i morti, nelle tombe, udranno la sua voce 29
e verranno fuori. Quelli che hanno fatto il bene risorgeranno per vivere; quelli che hanno fatto il male risorgeranno per essere condannati.
30
"Io non posso far nulla da me. Giudico come Dio mi suggerisce, e il mio giudizio è giusto perché non cerco di fare come voglio io, ma come vuole il Padre che mi ha mandato.

http://www.bibbiaedu.it/pls/bibbiaol/GestBibbia_int2.Ricerca?Libro=Giovanni&Capitolo=5
 
 
VANGELO ECONDO GIOVANNI: 12, 44-50
12,44Allora Gesù esclamò: "Chi crede in me, in realtà crede nel Padre che mi ha mandato; 45chi vede me, vede il Padre che mi ha mandato.
46"Io sono venuto nel mondo come luce, perché chi crede in me non rimanga nelle tenebre. 47Chi ascolta le mie parole e non le mette in pratica, io non lo condanno. Infatti non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvarlo. 48
Chi mi respinge e rifiuta le mie parole ha già un giudice: a condannarlo, nell'ultimo giorno, sarà proprio la parola che io ho annunziato.
49"Io non parlo di mia iniziativa: il Padre che mi ha mandato, mi ha comandato quello che devo dire. 50
Io so che l'incarico che ho ricevuto porta la vita eterna. Tutto quello che dico, lo dico come il Padre l'ha detto a me".

http://www.bibbiaedu.it/pls/bibbiaol/GestBibbia_int2.Ricerca?Libro=Giovanni&Capitolo=12
 
 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gesù giudic supremo vangelo san giovanni

permalink | inviato da RAGGIO DI LUCE il 23/12/2008 alle 4:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
15 novembre 2008
GIOVANNI DI GAMALA PERSONAGGIO NON STORICO
 

CENTRO STUDI STORIA

GIOVANNI DI GAMALA PERSONAGGIO NON STORICO

Dalle nostre ricerche sulla storia ebraica antica non risulta che sia mai esistito Giovanni Gamala

vedere anche l'ottimo studio di Silvio Barbaglia: " La favola di Cascioli"

http://www.lanuovaregaldi.it/doc/evento/Cascioli.pdf

ALCUNI ARTICOLI PER COMPRENDERE

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il Giovanni di Gamala di Luigi Cascioli e David Donnini

Quali sono le osservazioni che si possono rivolgere alle teorie di Luigi Cascioli e David Donnini?

Di questi autori è possibile leggere i libri da loro pubblicati i cui estratti sono recuperabili in Internet. 1

In sintesi, la teoria da loro proposta - Cascioli non la ritiene tale ma anzi la propugna come una "prova inconfutabile" - è che in effetti il personaggio principale che ci viene raccontato nel Nuovo Testamento altri non fosse che un figlio di Giuda di Gamala, uno zelota fatto crocifiggere dai Romani per le sue pericolose azioni e idee rivoluzionarie. Secondo loro, la Chiesa avrebbe cambiato i nomi ai protagonisti della vicenda per "mitigare" una "ingiustizia" dei dominatori romani, trasformando un violento zelota in un personaggio che addirittura salva l'umanità intera. Da un messaggio rivoluzionario, nel senso politico e militare del termine, dunque ad uno di redenzione che, agendo in una sfera prettamente personale, comporterebbe importanti risvolti sociali.

Quando lessi per la prima volta questi studi rimasi molto colpito perché mettevano completamente in discussione quanto affermato dalla Chiesa, che passava inevitabilmente dalla parte della "furba" ingannatrice. Seppur attratto da queste teorie alternative piuttosto accattivanti, cominciai a studiarle per verificarne l'attendibilità e pian piano mi accorsi che non soddisfacevano alcune banali considerazioni che di seguito elenco:

- La prima, più evidente, è che nessun testo tramandatoci cita questo figlio di Giuda, tale Giovanni di Gamala. Né gli autori (Cascioli e Donnini) giustificano in maniera soddisfacente che un tale personaggio dovesse esistere, e perché proprio lui sarebbe stato oggetto di quella "deificazione" poi propagandata tra le genti;

- Cascioli sostiene con forza che Gesù non sarebbe mai esistito. Questo contraddice una evidenza particolare, cioè che non si può inventare ed imporre l'adorazione di una persona senza che questa non sia effettivamente esistita. Tanto più che i racconti evangelici descrivono Gesù come un personaggio molto famoso tra le popolazioni del Medioriente di allora. E il comportamento su questa informazione da parte degli uomini di Chiesa, che invece vorrebbero far passare Gesù per un povero incompreso sconosciuto ma dotato di talenti, era già un indizio che stessero occultando una scomoda verità;

- Se il Cristianesimo era nato in ambiente zelota, e Gesù ne era l'artefice, allora come è possibile che i cristiani non siano stati fatti oggetto di tali e tante persecuzioni da essere fatti letteralmente "sparire", come è capitato ad altri gruppi religiosi? Evidentemente invece proprio quel Cristianesimo, ben lontano dall'ideale rivoluzionario, aveva come oggetto di adorazione un personaggio famoso ma che di zelota, cioè anti imperialistico, probabilmente non aveva alcunché. Al contrario il suo "mito" sopravviveva in quanto ben funzionale al sistema politico romano;

- È contraddittorio che i Romani, dopo aver messo a morte un rivoluzionario, lo avessero spacciato per un "santo" martire. So che qui il paragone con personaggi come Socrate o Thomas Moore potrebbe farci presumere una tale possibilità, ma il confronto è mal posto. Se Gesù era uno zelota allora dobbiamo pensare di paragonarlo non a un predicatore pacifista, bensì ad un "terrorista" del giorno d'oggi, cioè una persona che fa seguire alla predicazione anche azioni violente, contro l'oppressore. Ma tutti gli evangelisti ci presentano Gesù come ben lungi dal fomentare attacchi "terroristici" contro Roma.

Le osservazioni che ho presentato spiegano le principali contraddizioni, o domande senza risposta, che le teorie di questi studiosi portano con sé. Prima però di maturare queste convinzioni le mie ricerche sono state abbondantemente influenzate da simili precedenti, come si desume leggendo l'argomento Analisi dei Vangeli .

 

http://www.deiricchi.it/index.php?docnum=878

 
 
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
 
 Da far ridere perfino Cascioli ammette che Giovanni di Gamala non è storico !
--------------------------------------------------------------------------
Innanzitutto Giovanni da Gamala - Non lo sa nemmeno Cascioli
da dove spunta fuori questo personaggio e parlandone di
persona dopo una sua conferenza mi ha detto che le sue sono
solamente ''deduzioni'' tratte dall'esame di alcuni scritti patristici,
per cui allo stato non esisterebbe
alcuna prova storica della sua esistenza.
 
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
 
Dal bollettino parrocchiale “RISVEGLIO” N° 264:

“La favola di Giovanni di Gamala”
Questo è il vero titolo del libro pubblicato da Luigi Cascioli come “Favola di Cristo”

La favola è un racconto immaginario che affonda le radici nella fantasia e che di conseguenza è aperto ad ogni soluzione la più inverosimile. Il fatto storico invece è tutto il contrario della favola perché non si fonda sulla fantasia, ma “in re”. Il Cristo uomo emerge come figura inconfondibile tra tutti gli uomini del passato con una quantità impressionante di testimonianze di provenienza religiosa e pagana. I personaggi non religiosi che parlano di Cristo sono moltissimi e lo fanno in maniera disinteressata, da osservatori lontani e sconosciuti tra loro: Giuseppe Flavio, Tacito, Svetonio, Plinio il giovane, Adriano, Trifone, Marco Aurelio, Epitteto, Publio Lentulo. Bisognerebbe sbuggiardarli uno per uno per annullare il Cristo Uomo di cui parlano. (Riporto “sbuggiardarli” con due g come è stato scritto sulla lettera). Uno storico che si rispetti dovrebbe conoscere il latino, il greco, i generi letterari, l’esegesi, la critica storica, l’analisi scientifica. La storia non s’inventa la si riscopre cercando pazientemente e mettendo insieme infiniti frammenti fino a comporre il mosaico originale! Il fatto storico è allergico alla immaginazione di che vorrebbe per forza. per malizia o per ignoranza piegarlo alle proprie tesi. È, se è, non è, se non è. Il Cascioli ha la preparazione dello storico? I giornalisti lo presentano come “studioso del Lazio” e come “storico” ma loro ci credono a queste qualifiche? Leggendo attentamente i loro articoli, questi titoli sanno tanto di presa in giro. 75 anni fa, quando venni battezzato, il parroco che mi fece cristiano già predicava il Cristo Uomo. Il Cascioli mi trascina davanti al tribunale perché “IO” tra 33.000 parroci italiani abuso della credulità popolare imbrogliando tutti col mettere Cristo al posto di Giovanni di Gamala. Il Cascioli sostiene che Cristo non è mai esistito. Se non vede il sole a mezzogiorno, non può denunciami perché lo vedo io. Dovrebbe denunciare tutti i vedenti (?!). Da duemila anni viene rispettata la libertà di credere o almeno all’esistenza di Cristo uomo, ma il Cascioli non ammette questa libertà e mi denuncia perché non credo a quello che crede lui. (?!). Chi era Giovanni di Gamala? Che cosa ha fatto? Quali tracce ha lasciato? Ho l’impressione che il Cascioli sia l’unico testimone della sua esistenza (?!). Quanti personaggi in questi anni hanno cantato, dipinto, scolpito, elogiato Cristo? Sono tutti matti?! Tristo è colui che per vedere le stelle ha bisogno di una capocciata! Quanti martiri per Cristo! Tutti scemi? Quando crolla un edificio, s’indaga l’impresario non l’operaio che vi ha lavorato. Che parte ho io nell’operazione di Cristo? Se non fossi mai nato, oggi non cambierebbe nulla. Mi sembra di rileggere in chiave moderna la storia di don Chisciotte che assaliva i mulini a vento! Con don Chisciotte si ride, ma con Cascioli che si fa? Dopo 50 anni di sacerdozio, mi sarei aspettato un po' di riposo, invece mi trovo al centro di una disputa “ridicola” sulla esistenza storica dell’uomo Gesù. Di solito le feste finiscono con i fuochi, ma non credo mai che Cascioli festeggiasse i miei 50 anni di sacerdozio sparando una bomba così grossa! PAZIENZA.

Don Enrico Righi
http://www.fisicamente.it//modules.php?name=News&file=article&sid=87
 
 
 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giovanni gamala

permalink | inviato da RAGGIO DI LUCE il 15/11/2008 alle 4:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
arte
15 novembre 2008
GIOVANNI EVANGELISTA E' SEMPRE DIPINTO COME UN EFEBO !
 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giovanni evangelista efebo

permalink | inviato da RAGGIO DI LUCE il 15/11/2008 alle 3:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        marzo

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte